mercoledì 25 gennaio 2017

Vatileaks 2 - Il Vaticano alla prova della giustizia degli uomini


Dal 2 febbraio 2017 in libreria:





Un documento per affermare trasparenza, imparzialità, libertà di una Chiesa non arroccata, che si nasconde, ma che afferma, tutta in uscita anche di fronte a fatti spiacevoli, a cicatrici dolorose.

Ho seguito il primo Vatileaks mentre il processo segnava un percorso. Vatileaks2 ha mostrato molto di più di un procedimento giudiziario...

Associazione Stampa Estera
Con padre Federico Lombardi alla presentazione del libro
Guarda il video integrale - Fonte Radio Radicale


"Il 24 novembre 2015 si apriva davanti al Tribunale dello Stato Vaticano un processo di grandissima risonanza mediatica: quello a monsignor Lucio Ángel Vallejo Balda e Francesca Immacolata Chaouqui accusati, insieme a un collaboratore e in concorso criminoso con i giornalisti Pierluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, di aver divulgato notizie e documenti... CONTINUA A LEGGERE













Ne hanno parlato e non solo:

Radio VaticanaIl Sole 24 OreRadio Radicale, TV2000, RomasetteSIRIl Mattino di PadovaLa StampaRai TG1, Panorama, Faro di Roma, La Nuova FerraraSMTV San MarinoZenit, La Repubblica, Conquiste del Lavoro, Sky TG24, KNA, ANSA, REUTER, AGI, ADNK, ASCA, ecc ecc...





giovedì 29 dicembre 2016

Microfoni ibridati

In Aula Paolo VI in Vaticano. RTL e Radio Vaticana insieme... si parla di Siria: 



Per una sinfonia della Vita

La vita è bellissima, forte! Sempre… anche se in salita, dura… Domitia Caramazza l’ha raccontata attraverso l’armonia delle differenze in uno spot della Conferenza episcopale italiana che non ha tempo. “Per una sinfonia della vita” è il titolo. 
In poco più di un minuto si mostra la forza della vita nell’intreccio di immagini e suoni. Nessuno strumento, “ma solo” il suono della vita che si scompone e compone, appunto, in una vera e propria Sinfonia. Grazie Domi per avermi dato l'opportunità, insieme alla mia famiglia, di testimoniare la bellezza!










venerdì 11 novembre 2016

La Radio Vaticana nell'era post mediale




Una pillola sulla Radio del Papa costruita da Guglielmo Marconi: dai microfoni di Pio XI, alla realtà digitale del giornalismo immersivo. 
Vuoi saperne di più? Allora gustati questo servizio realizzato dalla Rai per il programma "A Sua immagine" in cui ti raccontiamo un po' di storia, la nostra realtà e qualche frontiera qui GUARDA  il video integrale.



Quattro chiacchiere con Lorena Bianchetti...



giovedì 10 novembre 2016

Trump secondo Emanuela Campanile e non solo

Perché le buone letture si condividono, quando di inchiostro ne scorre troppo... 

Donald Trump è il nuovo Presidente degli Stati Uniti e con lui nasce l'era del "trumpismo": il tempo della "nazione arrabbiata". La Democratica e rivale Hillary Clinton non è riuscita a battere l' outsider imprenditore milionario (dalla faccia dura e dai modi molto poco "politically correct"), che ha sorpreso esperti e sondaggisti incarnando perfettamente la frustrazione e le paure di una larga fetta dell'elettorato USA. 


"Bisogna ora vedere quanto Trump farà ma soprattutto - afferma Mattia Diletti, esperto di politica interna statunitense e docente di Scienze Politiche all'Università Sapienza di Roma - come si servirà di quella rabbia (tutta made in USA!) di cui si è fatto interprete". Dall'era Obama, cerca infatti di riemergere una classe media a cui molto è stato tolto e che intende difendersi da tutto ciò che può minacciarla. Anche con rabbia.


...e poi



Certamente le proteste di piazza del giorno dopo con tanto di pupazzi di Trump dati alle fiamme non incarnano proprio il senso pieno della democrazia, piuttosto quello del malessere con venature violente… ma anche questo e Usa Style. Comunque Obama riceve il magnate alla Casa Bianca e consegna le chiavi che apriranno dal 20 gennaio, data dell’insediamento ufficiale, mentre Hillary, anche se amareggiata, ha accettato la sconfitta bucata da ogni sondaggio… ma si sa i sondaggi sono condizionati da una molteplicità di fattori, i media ad esempio “scrivono verità” e la conseguenza è che poi chi la pensa diversamente non lo dice… 


W l'America made Usa

sabato 3 settembre 2016

Casta e dintorni

Bene… tutti indignati per i privilegi della casta… i parlamentari devono essere dimezzati. Però chi guarda dove si ricollocano? Cioè Consigli d’Amministrazione, Authority… L’ultima: che i bancari saranno dimezzati. E così si sfrutta il desiderio di rivalsa di chi fatica ad arrivare a fine mese. Il punto è rilanciare, creare opportunità, non far aumentare la tensione creando bersagli, vittime e carnefici, o peggio distraendo. W l’Italia!

P.S: Je Suit Charlie perché non si uccide, ma le vignette prima e dopo restano incommentabili e offensive e la satira per fortuna non è solo questo.

A riprova il fatto che l'ambasciata di Parigi a Roma in un comunicato ribadisce che la vignetta sul terremoto in Italia "non rappresenta assolutamente la posizione della Francia".

martedì 2 agosto 2016

...Intanto è arrivato Giorgio

La domanda dallo sfondo sadico che ti fanno quando ti è appena nato un figlio è: dorme?
La risposta giusta è (sempre e comunque) 'no' pena lo scatenarsi delle ire di Morfeo...
Ieri mi ero dimenticato questa regola base e
alla fatidica domanda ho risposto: 'beh abbastanza ovviamente si sveglia ogni 3/4 ore però va bene'.
Alle 23.30 diamo la poppata prenotturna... Giorgio smette di piangere. Decidiamo di andare a dormire. 5 minuti dopo si dimena. Sicuri che sia solo un po' di aria lo ninniamo... si raddormenta... lo rimettiamo in culla e 5 minuti dopo la stessa scena... questo andrà avanti fino alle 6.10 del mattino. Alle 3.30 Sara 2 anni e mezzo si sveglia e viene in camera :
'ci alziamo?'...
'no Sara è notte'...
'ma Giorgio è sveglio'
"Appunto è ora di dormire"
"Se lui è sveglio anche io sto con voi" e si infila nel lettone. Intanto Giorgio piange insistentemente. Maria 8 anni dalla sua camera (un metro dalla nostra): "vorrei dormire"
Noi: 'pure noi'
Sara: 'perché? '
Zombiemamma riaccompagna Sara nel suo letto. Giorgio si addormenta per 30 minuti tra le mie braccia solo che sono seduto sul letto con la testa sulla testiera in legno. Stessa scena con Zombiemamma i 30 minuti successivi.
All'alba tutto tace.
Un'ora di sonno e ci alziamo. Apro la porta e Sara e Maria già sveglie e in piena attività ci accolgono con i grembiuli da cucina: "giochiamo?!!!!"
Giorgio ora che scrivo (9.13) ancora dorme.
Grazie Morfeo e comunque: 'NO' Giorgio NON dorme!

Uomini contro il terrore

Il sedicente Stato Islamico vuole convincere una parte del mondo (ed alcuni già lo pensano) che tutti i mussulmani sono sanguinari, che vogliono sterminare i cristiani e ingaggiare una guerra contro l’Occidente. 
Eppure in Iraq, Afghanistan, Siria, Turchia, Somalia, Nigeria, Libia… OGNI GIORNO muoiono decine di musulmani uccisi dalla furia omicida dei terroristi, insieme a tante altre minoranze, tra cui i cristiani. Un conflitto secolare tra Sciiti e Sunniti e una galassia di altre realtà. 
Gli ultimi attentati di Nizza sconvolgono e toccano ancora l’Europa, così come l’uccisione di  padre Jacques Hamel che a 85 anni è stato sgozzato da due jihadisti dell'Is nella chiesa di Saint Etienne du Rouvray, ma il rischio, o meglio quello che vogliono i sostenitori del conflitto è generare una rete di odio cieco. La Comunità internazionale è chiamata ad un compito alto, a dare risposte che non siano solo plotoni e bombe, altrimenti “questa guerra mondiale a pezzi” potrà solo alimentarsi.

venerdì 12 febbraio 2016

Nicole - La bellezza della vita senza ipocrisie

Il mondo bisogna custodirlo, costruirlo e mostrare il bello, il bene perché attirano e sono contagiosi. Il male divide, il male crea conflitti e muri, il male ribalta le cose. Leggo un articolo http://goo.gl/9XunxY e si apre uno scenario meraviglioso su Nicole Orlando. Lei ha 22 anni, è di Biella ed è campionessa paralimpica pluridecorata. Righe, foto e video per descrivere il talento, la bravura, la bellezza, dolcezza e tenacia. Lei è affetta dalla sindrome di down, è ospite al Festival della musica italiana di Sanremo. Tutti applaudono, si commuovono. 

Perché siamo così, spesso senza memoria, istintuali, immediati. Già perché quando le mamme vanno dal ginecologo con il cuore gonfio di speranza, paure, e la vita che esplode nel grembo, dopo l’accoglienza gioviale con lo stesso sorriso viene inoculato il germe del dubbio con una semplice domanda supportata da statistiche, ovvero eventualità, non certezze, eventualità: vuole effettuare l’amniocentesi? 

E se dici di “no”, oggi ti spiegano che esiste un nuovo metodo, costo 500 euro, non invasivo. Lo scopo? Non è curare problematiche pre-natali di questo tipo “perché allo stato attuale non si può intervenire su patologie genetiche”, il solo fine è sapere. E poi quella diagnosi se di downismo diventa sentenza: di vita o di morte. 

I genitori di Nicole hanno scelto la vita. Grazie! Nessun giudizio nei confronti di chi non ce l’ha fatta o non ce la farà. Massimo giudizio e condanna nei confronti di un Paese che abbandona, che ignora, che lascia soli. 

Quante Nicole si potrebbero salvare! Se non si lasciassero sole le mamme, le famiglie. Se chi ha paura avesse sostegno: economico, sanitario, psicologico, lavorativo… certezze per il domani. Quante vite si potrebbero salvare se chi rifiuta avesse canali privilegiati per portare a termine la gravidanza e poi affidare quel cucciolo a chi potrebbe prendersi cura di lui. 

Nessun giudizio mai nei confronti di chi non ce la fa, massimo biasimo per una società che sceglie sempre la via più semplice: quella dello scarto, dell’eliminazione.

Perché costa prendersi cura della Vita. Costa economicamente l’assistenza sanitaria, costa supportare, costa aiutare donne, famiglie intere a non perdere il lavoro o addirittura a trovare case e impiego. E allora eliminare il “problema” è la via semplice. Quindi si cambiamo i nomi: omicidio è aborto e Nicole è feto. 

L’aborto non si sconfigge togliendo una legge, ma aiutando a scegliere, sostenendo e costruendo.  


E allora grazie a Nicole, ai suoi genitori, a tanti genitori che vivono fatiche inenarrabili (con o senza sorriso, ma le vivono), grazie ai medici, infermieri, operatori e tutti coloro che nel piccolo e grande della propria esistenza edificano e mostrano Bellezza. E che ieri sera hanno pianto e sorriso e applaudito, davanti alla regalità  della vita, senza alcuna ipocrisia.

sabato 30 gennaio 2016

#FamilyDay2016 e l'Italia dagli occhi aperti

Poche righe perché tanti diranno, ma non si può nascondere la bellezza. La bellezza di una piazza che chiede alla politica di ascoltare. E allora guardo una politica che fatica a leggere il Paese reale. Una politica che insegue l’Europa o ne prende le distanze, ma è in difficoltà nel tracciare rotte proprie. Oggi migliaia di persone non hanno detto “no” a qualcuno, come invece sostiene chi ama contrapposizioni, hanno detto “no“ al pensiero unico, allo sfruttamento della donna, alla violazione dei diritti dei bambini. Una piazza che ha aperto una pagina nuova, tutta da scrivere. E ben venga il confronto e chi pensa diversamente. Ora si gioca la sfida più grande: costruire e restituire all’Italia il suo volto, quello della famiglia, che ama e accoglie. Oggi si è visto un popolo, non una massa, si è vista una faccia: quella dell’Italia che non accetta che “tutto vada bene”. E poi? Poi politiche familiari, non solo aiuti, poi lavoro, sanità, economia... declinati con il fattore famiglia
W l’Italia.

lunedì 21 dicembre 2015

Il Giubileo della speranza nell'anno che verrà

Certo riaprire una finestra dopo quanto è successo a Parigi non è facile. Il terrorismo spaventa tutti, questo è uno dei suoi schemi… e mentre decine di persone continuano a morire nel Mediterraneo, #PapaFrancesco ha aperto la prima Porta Santa del Giubileo a Bangui, la capitale del Centrafrica, segno di speranza in un mondo che continua a combattere e respingere. Dal 13 dicembre (l’8 a Roma) si sono aperte le Porte Sante della Misericordia in tantissimi Paesi, per tutti…  Intanto la Consulta in Italia ha finalmente i suoi Giudici e si è chiusa l’ennesima Leopolda, mentre i correntisti fanno i conti con il fallimento di quattro banche che hanno venduto titoli a rischio. Anzi che non erano a rischio, ma lo sono diventati per la firma del nostro Parlamento, ma nessuno ha avvertito. Migliaia di persone hanno perso i risparmi di una vita. E allora ancora fiumi di parole, mente la legge di stabilità fa un passo in avanti verso le famiglie. Un passetto ancora non si corre. Eppure qualcosa si muove. 
W l'Italia!

venerdì 16 ottobre 2015

Il Meeting mondiale delle famiglie: da Philadelphia a Dublino

Il Meeting mondiale delle famiglie di Philadelphia ha visto 17mila persone provenienti dai 5 continenti per affermare la bellezza di questa cellula fondamentale della società. 
La famiglia luogo in cui crescere, svilupparsi. Luogo che fonda e plasma la società. La famiglia luogo in cui ogni ferita si sana. L'incontro con il Papa è stato strepitoso, oltre 2 milioni di persone hanno pregato con lui nella Messa di domenica. Dall’altra parte dell’Oceano l’Europa sembrava ancora più vecchia, e più lenta di quello che è, ma anche più solida e più forte rispetto alla liquidità della società americana.

Straordinari i discorsi di Francesco in Usa... al Congresso, alle Nazioni Unite, la preghiera a Ground Zero... come gli incontri con le comunità, la gente... E la gente... "Il Papa ci dice che i soldi non sono tutto... e questo non lo dice nessuno"; "il Papa parla della famiglia ed io sono persona perché sono nata in una famiglia"; "Il Papa è come una Rock Star coinvolge tutti"; "Il Papa ha portato la luce di Dio in questo Paese".

Un Paese dove c'è una pressione sociale fortissima, dove a fianco del sogno americano c'è l'incubo del terrorismo. Dove vicino alla libertà, convivono le armi...